TEATRO DELL'ORALITÀ POPOLARE

 

 

danzasilvia2

Il nostro modo di raccontare entra nelle case, sopra le tavole, accanto al letto, vi sembrerà di averci conosciuti da sempre, perché con noi portiamo le voci, i canti e le storie che abbiamo raccolto da chi è stato testimone delle grandi tradizioni tramandate oralmente.


”Memoria, oralità, tradizione: sono proprio queste le condizioni di esistenza e sopravvivenza del mito. Ancora oggi un poema non esiste se non è declamato; bisogna conoscerlo a memoria, per dargli effettivamente vita. Neanche il mito è vivo se non viene ancora raccontato, di generazione in generazione, nel corso dell'esistenza quotidiana. Altrimenti, relegato in fondo alle biblioteche, fissato in forma scritta, viene trasformato in riferimento dotto per una élite di lettori specializzati in mitologia. Il mito si presenta sotto forma di un racconto venuto dalla notte dei tempi e che esisteva già prima che un qualsiasi narratore iniziasse a raccontarlo. In questo senso, il racconto mitico non dipende dall'invenzione personale né dalla fantasia creatrice, ma dalla trasmissione e dalla memoria”

Jean-Pierre Vernant

 

 

 

 

 


Teatro delle Forme C8A copia

 . . . delle Masche e delle Magie

 



Un racconto fatto di fuochi fatui e grandi ombre sui palazzi, di vino e acqua che si alza in cielo. Un racconto sociale, dove la “diversità” oggi come allora torna ad essere respinta come “l’altro da noi”. Una delle pagine o-scure della storia popolare, quella delle streghe o Masche, come vengono chiamate in Piemonte. Le masche affondano le radici in tempi lontanissimi e costituiscono una delle manifestazioni più vive ed interessanti dell’immaginario popolare piemontese.

Leggi tutto...

Casa-dei-teatri-pres
La Casa dei Teatri
In una società in cui l’esigenza di comunicare ci ha condotto verso l’unificazione di linguaggi, gesti, ed abitudini, la riscoperta delle memorie ad esse legate è un’esperienza umana non solo ancora condivisibile, ma anche auspicabile al fine del recupero e della tutela di una cultura descritta da oggetti, usi, costumi, espressioni e peculiari emozioni quasi scomparse.

Leggi tutto...

Sogno-di-Benino-pres Il Sogno di Benino - Il presepe fra racconto e tracce oniriche
Un intreccio poetico e divertente dove la Storia della Sacra Famiglia s’intreccia alla quotidianità di ognuno di noi. Ecco allora la terra fatta di sughero e muschio, di pastori e Re Magi, di storie che confondevano il sacro col quotidiano, tanto da veder in alcuni personaggi di terra cotta, fra zii e cugini, alcuni di questi...o che di questi esercitavano lo stesso mestiere: pescivendolo, calzolaio o lavandaia.

Leggi tutto...

Kunto-pres Il Kunto di ReMiseriaRe
Un lavoro di narrazione individuale e collettiva: Vita e Morte, fratelli incestuosi, figli di un contagio che li ingenera al contempo, riuniti in un’antica storia, con il supporto sonoro della lingua corporea napoletana. Dalla viva voce di narratori grecofoni, dalla reinvenzione del professor Roberto Tessari, si hanno le due parti o quadri di questo dittico, capace d’essere insieme di recupero e innovazione.

Leggi tutto...