Racconto Segreto
Veglie d’Autunno 2019

A Piobesi Torinese prende avvio l’edizione 2019 del progetto “Racconto Segreto – Veglie d’autunno”, che il Teatro delle Forme sviluppa da oltre un decennio  in collaborazione con l’amministrazione comunale,  proponendo  una visione ad ampio respiro sul Teatro di Comunità, tramite il quale vengono restituite  in chiave performativa  le esigenze e i desiderata dei territori.

In un momento in cui sempre più è necessario proporsi  come cittadini europei è  importante mantenere spazi di incontro che siano reali e quotidiani, in cui raccontare storie che si adattino alla contemporaneità non dimenticando le tradizioni ed  indirizzandosi  ad un pubblico trasversale, per età e interessi, con l’offerta di proposte culturali che  favoriscano l’aggregazione  e il senso di appartenenza all’ambiente.

Il primo appuntamento in programma si terrà il 28 settembre 2019 alle ore 21,00 ad ingresso libero presso il Ristorante Celestino in corso Italia 10, con un reading tratto dell’opera “Party time” di Harold Pinter, con l’ideazione e regia di Antonio Damasco e la partecipazione degli  attori del laboratorio di narrazione del Teatro delle Forme.

Dalle pagine di uno dei maestri del teatro contemporaneo emerge un ritratto di società dei prescelti, un club esclusivo in cui si muovono figure di eccellenza, fondato su criteri morali inflessibili, dove i personaggi si muovono all’interno di  un bozzolo dorato  e  distaccati dalla realtà, accompagnati  da  musiche  ora sensuali ora drammatiche  a sottolineare la surrealtà del racconto.

 image001

Lo spettacolo sarà preceduto alle 19,30 da un apericena con gli attori a cura del Ristorante Celestino. Le prenotazioni relative all’apericena saranno da effettuare entro mercoledì 25 settembre telefonando alla Biblioteca Civica di Piobesi Torinese allo 011 96578486.

Gli spettacoli successivi in calendario a Piobesi Torinese sono programmati per il 28 novembre e 5 dicembre con rappresentazioni della tradizione natalizia del Nord e Sud Italia, dal racconto popolare del  monferrino  “Gelindo”  al “Sogno di Benino”, produzione storica del Teatro delle Forme, un intreccio poetico dove la storia della Sacra Famiglia si intreccia alla quotidianità in chiave partenopea.