18740224 245697969168298 252449848053037680 n

 

"Occhi bendati e il tempo che pare scorra in pochi attimi. Invece dura piu’ di mezz’ora “Toccami. Esperienze sensibili dell’arte”, è un percorso fatto di suggestioni nel quale lo spettatore si mette in gioco: prima di tutto confrontandosi con se stesso e poi con ciò che lo circonda. Trenta partecipanti, non uno di piu’, che vengono condotti attraverso il museo. Gli occhi ancora liberi guardano le grandi le grandi statue di gesso che affiorano nella poca luce. Poi si prende posto sulle sedie davanti ad uno schermo scuro. Cosa celerà? Non è dato saperlo, pochi istanti per accomodarsi e annodare la fascia nera sugli occhi. Ed ecco le voci cominciano a parlare, un dialogo, poi rapido il senso di una presenza che sfiora la mano, un leggero profumo d’incensio, una musica. Ancora parole, tocchi, l’aria che muove. Il buio modifica il modo di percepire le dimensioni, gli odori, i suoni. Ci si scopre tesi ad intuire ciò che tra poco accadrà, forse con un pizzico di timore."

Vanna Pescatori

Da La Stampa 24 Novembre 2005

 

 

17862802 621200674742619 5141861503629202262 n

 

 

Privata dell’ausilio della vista, la percezione dell’arte, ed il suo intrinseco anelito all’assoluto, avverrà attraverso la percezione tattile, attraverso gusti e odori, nonché dai suoni che scaturiscono da ciascuna opera, per quello che è e per quello che richiama e rappresenta. Solamente alla fine gli spettatori/attori potranno confrontare la propria esperienza con la visione dell’opera, finalmente svelata.

Toccami torna in scena a distanza di dodici anni.

 

 

 18671061 980325432101911 4050330502018952140 n 18698509 980325405435247 5597519748410638153 n